VITTORIA ESTERNA CONTRO LA BALDACCIO. DECIDE CEPPODOMO

Print Friendly, PDF & Email

Baldaccio Bruni – Terranuova Traiana 0-1 (0-0 pt)

Il tabellino 

BALDACCIO BRUNI: Vaccarecci, Piccinelli, Magi (31’ s.t. Bruschi), Adreani, Giorni, Mambrini, Giovagnini, Torzoni (30’ s.t. D’Aprile), Boriosi (9’ s.t. Autorità), Tresa (9’ s.t. Mercuri), Sbardella. A disposizione: Conti, Perfetti, Gigli, Beretti, Mazzoni. Allenatore: Baldolini

TERRANUOVA TRAIANA: Fedele, Arnetoli, Petrioli (15’ s.t. Ceppodomo), Saitta, Senzamici, Cioce, Redi (33’ s.t. Viganò), Massai, Marini (33’ s.t. Bega), Sacconi, Taflaj (40’ s.t. Mannella). A disposizione: Antonielli, Minatti, Cappelli, Sepe, Saputo. Allenatore: Marco Becattini.

ARBITRO: Niccolò Monti di Firenze, coadiuvato da Giulia Cipriani di Firenze e Vittorio Poggipolini di Empoli.

RETE: 37’ s.t. Ceppodomo.

NOTE: ammonito Torzoni (BB), mister Becattini. Angoli 2-8. Recupero 2′ pt, 6′ st.

Cronaca tratta dal quotidiano La Nazione cronaca di Arezzo inserto QS, a firma Francesco Tozzi 

ANGHIARI – Buona la prima in Eccellenza per il Terranuova Traiana guidato Becattini. I valdarnesi si impongono per 0-1 contro la Baldaccio Bruni dopo una partita combattuta. Non era assolutamente scontato riuscire a superare i padroni di casi sul difficile terreno di gioco dello stadio Zanchi.

La gara inizia senza troppe emozioni, con entrambe le compagini impegnate a studiare le rispettive tattiche di gioco.

La possibile svolta per i biancorossi al 37’ del primo tempo. Taflaj viene messo giù in area di rigore e scatta quindi il penalty in favore degli ospiti. È lo stesso calciatore di origini albanesi a tirare dal dischetto dopo aver subìto il fallo. L’ex Pontassieve carica il destro, ma Vaccarecci intercetta senza problemi respingendo il pallone a mano aperta. Il primo tempo termina a reti inviolate. Alla ripresa è l’ex biancoverde Ceppodomo che mette la firma sul gol del vantaggio. Al 37’, dopo essere subentrato a Petrioli, l’attaccante di Città di Castello prova dalla distanza riuscendo ad insaccare la sfera, dove l’estremo difensore della Baldaccio non può arrivare.

 

Leave a Reply